venerdì 15 marzo 2013

ISTITUTO S.CUORE EX ALBERGO LIGNET



Verso la fine dell’800 il cittadino austriaco Rudolf Lignet costruì, nella parte inferiore del “Serraglio” a Maderno, un albergo denominato “Lignet” che, nello stile richiamava le costruzioni austriache di quel tempo. Agli inizio del Novecento il Cav. G.Battista Bianchi acquistò tutto il “Serraglio”, compresa la palazzina che fu dei Gonzaga e fece demolire anche questo nuovo albergo. Il sig. Lignet ne costruì subito un altro sul Lungolago di Maderno attribuendogli la stessa denominazione e continuò nella sua attività alberghiera.

Dopo lo scoppio della prima guerra mondiale questo albergo, come tutte le proprietà degli austriaci, fu sequestrato dallo Stato Italiano e, dopo la fine della guerra fu venduto ed acquistato dal Conte Ernesto Lombardo, amministratore del cotonificio De Angeli Frua di Roè Volciano. Il nuovo proprietario di questo stabile era un grande ammiratore del famoso Padre Giuseppe Podavini di Volciano suo confidente e suo confessore. Questo sacerdote Piamartino dal 1927 al 1931 fu Consigliere della Congregazione Piamartina e direttore spirituale dell’Istituto Artigianelli di Brescia, ottenne gratuitamente nel 1932 dal Conte Lombardo lo stabile sul Lungolago di Maderno e. dopo averlo opportunamente adattato, lo trasformò nella “Scuola Apostolica del S.Cuore di Gesù”. Lo stesso padre Podavini, in quell’occasione, fece perfino il manovale, il muratore, il carpentiere a seconda delle esigenze. La sala da ballo dell’ex albergo, fu trasformata nella Cappella dell’Istituto; venne inoltre costruita una sala per il teatro annessa alla muraglia della precedente limonaia. Padre Podavini fu quindi il primo Direttore e vi rimase in tale veste fino al 1935, quando venne comandato a Salò presso la chiesa di S .Bernardino. Divenne poi Cappellano dell’Ospedale accanto nel quale pernottava per essere più disponibile per gli ospiti, Nel 1959, causa la sua malferma salute si ritirò a Maderno alla Scuola apostolica ed il 18 maggio 1962, cessò di vivere.

Non si deve dimenticare che in questo edificio, oltre ad ospitare la scuola, dall’ottobre 1916 al dicembre 1918 accolse anche numerosi abitanti di Limone costretti ad abbandonare il loro paese per ragioni di sicurezza legate alla guerra in corso. Qui nacquero Maderno Fava e Maderno Montagnoli i cui genitori, per riconoscenza dell’ospitalità avuta, hanno voluto attribuire ai loro figli il nome del paese in cui sono nati. (Solo la famiglia di Giuseppe Segala si fermò a Maderno fino al 1935 per poi tornare definitivamente a Limone.)

Da qualche anno questo edificio è stato venduto. Ora hanno avuto inizio i lavori di ristrutturazione per adeguare lo stabile alle nuove esigenze. Viene così definitivamente chiusa la sua centenaria storia.. Pare che lo stabile venga adibito a casa-albego,

                                                                                                    Andrea De Ross



                                  L'Istituto S.Cuore ex albergo Lignet sul Lungolago di Maderno



Nessun commento:

Posta un commento