lunedì 5 gennaio 2015

CHIESA S.MICHELE E FESTA 5 LUGLIO A GAINO


Nella frazione di Gaino, sul colle che domina il lago, sorge la chiesa parrocchiale dedicata a S.Michele Arcangelo, costruita nel XVII secolo e terminata agli inizi del XVIII  grazie al notevole contributo della facoltosa Famiglia Assandri meglio conosciuta con il nome di Delay, proprietaria di officine che fornivano prodotti alla flotta veneziana e del seicentesco palazzo al porto di Toscolano.
            Nell’interno, oltre l’altare maggiore, ci sono sei altri altari che, attualmente, sono dedicati a S.Valentino, alla Madonna e alla Sacra Famiglia (a destra) e a.S.Antonio, S.Giovanni (già S.Cuore) e S.Crocefisso (a sinistra). In questi altari sono custodite la pala di S.Domenico, proveniente dalla chiesa di S.Andrea demolita a Toscolano nel ‘500 per far posto a quella attuale nonchè quella di S.Stefano anch’essa proveniente dalla omonima chiesa di Toscolano, ora completamente scomparsa.
            Nell’altare della Madonna si trova l’affresco datato 1466 dell’Immacolata, venerata da antica data nella vicina frazione di Gussaga, e che, fino al 1666, si trovava su una casa quasi diroccata di quella frazione, che antecedentemente, era abitata da due pie donne. Pur essendo esposta a tutte le intemperie, si mantenne meravigliosamente sempre intatta. Gli abitanti ed i passanti si fermavano devotamente presso tale immagine. Poiché col tempo aumentava sempre di più la venerazione all’Immacolata Vergine di Cussaga, autorità e popolazione decisero di trasportarla nella chiesa parrocchiale di allora, quella che ora è divenuta una sala per riunioni. Senza alcuna lesione fu levata dal muro, e con la massima solennità, venne trasportata nel tempio, accompagnata dalla musica e dallo sparo dei mortaretti.
Agli inizi del settecento fu costruita, più in alto, la nuova chiesa parrocchiale. Quindi anche la venerata immagine, appena terminata la chiesa, la sera del 4 luglio 1717,alle ore 20, con gran partecipazione del clero, di religiosi, e anche qui con musica e spari dei mortaretti, fu trasferita nella nuova chiesa e posta nella cappella a lei dedicata. Il giorno seguente 5 Luglio 1717, fu solennemente festeggiata. La devozione della Madonna di Gaino continua ancora oggi e si ripete ogni anno il 5 luglio. Ora è divenuta anche una festa folcloristico-popolare.
I quadri ex voto, tuttora conservati, sono la testimonianza della riconoscenza dell’intera popolazione per essere stata preservata dal terribile morbo del colera e del vaiolo
            Nella sacrestia sono custodite due croci cinquecentesche di cui una porta la data del 1554 e l’indicazione dei nomi delle frazioni: Geini, Folini, Gabianae, Cuzagae e Pulciani.
            Resta ancora in piedi, trasformata in sala riunioni e uffici, la vecchia chiesa quattrocentesca di S.Michele col campanile che ha l’aspetto di una torre di difesa e un portico cinquecentesco. Alla base del campanile si può osservare un frammento di lapide romana che ricorda gli Imperatori Antonino Pio e Adriano (anni 117-160); adoperato evidentemente come materiale di costruzione, doveva far parte di un edificio romano abbastanza importante. Quest’ex chiesa, di cui rimangono i muri perimetrali, aveva tre altari: S.Michele, S.Rocco e la Trinità ed era circondata, com’era in uso anticamente, dal cimitero, dalla canonica e da una casa rurale.
            Sempre a Gaino, al centro del paese, vi è una chiesetta dedicata a S.Sebastiano, da cui prende il nome, dove sono venerati i Santi Sebastiano e Rocco. Ha un solo altare ornato di belle sculture cinquecentesche e di una pala del '500 dell’Amadori o del Cossali.

                                                                                                                  Andrea De Rossi


Nessun commento:

Posta un commento